Link utili

Servizi per animali

Zone Limitrofe

L'itinerario che copre la città di Cuneo e le vallate circostanti, Pesio, Vermenagna, Gesso e Stura,

risulta un po' "complicato" per via della conformazione geografica del territorio. Il modo più veloce di percorrerlo è in automobile, mettendo in conto strade strette di montagna, curve e tornanti e l'impossibilità di effettuarlo in tempo breve.

Cuneo (534 m) merita del tempo per essere capita, per coglierne colori e profumi, per comprenderne il fascino di città di storia e cultura, raggiunta dal vento del mare, dove la lingua francese è di casa.

Da Cuneo, seguendo la direttrice Peveragno-Chiusa Pesio, si entra nella Valle Pesio e si raggiunge il paese di Chiusa Pesio (566 m), legato alla certosa, straordinario monumento realizzato dai frati certosini. L'ambiente naturale della valle è protetto grazie al Parco Naturale della Valle Pesio, che ingloba anche la straordinaria zona carsica del Marguareis. Chi ama passeggiare può raggiungere il Pis del Pesio, gigantesca "fontana naturale" di 30 metri.

Da Chiusa Pesio si raggiunge Peveragno (615 m), paese famoso per la coltivazione della fragola.

Proseguendo alle falde della Bisalta si raggiunge Boves (711 m), due volte Medaglia d'oro al valor civile e alla Resistenza, culla della lotta partigiana, prima città italiana ad aver subito (19 settembre 1943) un atto di guerra contro la popolazione da parte dei nazisti.

Da qui si prosegue per Borgo San Dalmazzo (641 m), alla confluenza delle Valli Stura, Gesso e Vermenagna, seguendo la SS20 per il Colle di Tenda si entra nella Valle Vermenagna, da visitare Vernante (785 m), con le case dipinte da un centinaio di murales (realizzati negli anni Novanta) raffiguranti la favola di Pinocchio, in memoria di Attilio Mussino, disegnatore celebre per l'interpretazione del burattino di Collodi. In via Umberto I è stato allestito anche il Museo di Pinocchio, che ospita una mostra permanente.

Nella vicina Entracque (893 m) merita attenzione una fontana del 1565 sormontata dalla statuetta di Sant'Antonio. Lungo la strada per San Giacomo c'è il centro Enel, dove si possono ottenere informazioni sulla centrale "Luigi Einaudi", il più grande impianto idroelettrico di pompaggio d'Italia (1200 MW).